Nyron Gdr Forum
Benvenuti su Nyron Forumclan!

Nyron Gdr Forum

Nyron GdR Forum
 
IndicePortaleFAQCercaRegistratiAccedi

Condividere | 
 

 Cuntu: Sutta la Turri Normanna Prima Parti

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Admin
Admin
Admin
avatar

Numero di messaggi : 125
Età : 39
Data d'iscrizione : 09.05.08

Scheda del Personaggio
Nome: Keern
Specie - Etnia: Umano Erkÿn

MessaggioTitolo: Cuntu: Sutta la Turri Normanna Prima Parti   Ven 8 Ago - 14:45

Capitulu Primu


Totò stava purtannu lu so carru versu la chiana di Termini, c'avia a vinniri certi sacchi di cuperti di lana a' fera ca si faceva nnò portu. Nun era sulu, p'addifinnillu l'accumpagnavanu i dui frati Ciaramedda a cavaddu. Totò nun avia mancu un bastuni p'addifinirisi, mbeci i dui Ciaramedda c'avevanu un fucili l'unu e Peppi, u cchiù granni, c'aveva macari 'nu revolberu.
Ddu iornu faceva cavuru e nun ciusciava mancu un filu di ventu. Eranu iunti a deci minuti di strata doppu la Milicia e s'aveva fattu menziornu: ai dui frati cci vinni fami e si firmaru tutti a manciari sutta un peri i nuci, o' friscu. I Ciaramedda manciaru pani e caciu, 'mbeci Totò c'avia pani, cipudda e un pumu. Si vippiru un litru di vinu biancu chi Totò c'aveva nnò puzzettu du ghiacciu e s'arripusaro pi 'na menzura, prima di partiri arreri.
Ai cavaddi cci rettiru anticchia di furmintuni, mentri Totò nun ci retti nenti o' voi chi aveva attaccato o' carru, nè mancu u' strugghìu: aveva partutu ca' matinata e java lentu cu' carru chinu.
'Na chinnicina di minuti ddopu arrivaru nna' un puntu ca si vireva la Turri Normanna. Totò nun l'aveva mai vista di vicinu, nè mancu i dui Ciaramedda si c'avevanu avvicinatu tantu. Sapevanu però, cà c'era na stratuzza chi ci passava di sutta, latu munti e sapevanu macari ca' nun ci stava nuddu di' tempi i nnappuni.
La strata antica runni stavanu cavarcannu, era china di arbuli e chianti vasci, ca facevanu difficili muvirisi e pirciò iavanu araciu.
Eranu almeno li dui doppu menziornu quannu arrivaru sutta a turri e appiru na' surprisa: un cristianu di quacchi quarant'anni cu' un marruggiu nne' manu stava fermu 'nmenzu la strata sutta la turri.
"Salutamu", dissi.
"Bognornu a vossia", c'arrispunniu Totò. I Ciaramedda u taliaru mali e nun salutaru. U cristianu li taliò cu l'occhi torti, ma nun dissi nenti. Mbeci, taliò a Totò e ci dissi:
"Cu passa di ccà av'a pahari lu pedaggiu". La sò facci era tranquilla, quasi ca rideva.
"Nun sapeva nenti di stu pedaggiu!", arrispunniu Totò.
U cristianu, senza canciari facci, lu taliò, dipò si girò a taliari e' du frati, prima a Sasà, u nicu, poi a Peppi. I du frati nun eranu tranquilli ppi nenti e macari i cavaddi sintevanu ca eranu nirbusi e si smuvevanu di fermi. U cristianu dissi:
"M'abbasta unu di' vostri cavaddi, comu pedaggiu"
"Chi?", dissi Sasà "Niscisti pazzu, zziu? Nun nni passa mancu pu ciriveddu di dariti un cavaddu a tia!" e ci puntò u fucili di 'ncapu.
Totò addivintava sempri cchiù nirbusu, mentri Peppi s'addifinniu a sò frati e dissi:
"Veru è. Nnà diri picchì t'avissimu a pahari nuatri lu pedaggiu. Nuatri semu pahati p'accumpagnari u carru di l'amicu nostru" e puntò a Totò ca' sò lupara, però Totò capì co' fici senza mali 'ntinzioni. A stu punto Totò, pi calmari l'animi, dissi:
"Vossia sintissi a mìa: l'amici mìa sù nno' ggiustu: picchì avissiru a pahari iddi pa' rrobba chi portu iu? Siddu vossia voli, si pò pigghiari anticchia di' cosi chi portu".
Taliannulu 'nta facci, u cristianu pareva addivirtutu, comu si nun fussi usu a sentiri parrari accussi assai. Dissi:
"Nun mi nni fazzu nenti d'i to cuperti. Iu sugnu lu Custodi du' Cunfini e u ricu iu 'nzoccu s'avi a pahari ppi passari add'abbanna. Stainnata vogghiu i dui cavaddi e no unu sulu", finiu, taliannu mali e' dui frati.
"Chi?", dissi Totò, addumannannusi comu faceva a sapiri chi purtava cuperti, ma nun fici 'ntempu a diri avutru, picchì la vuci forti di Sasà cummigghiò la sua:
"Tu niscisti pazzu!" e isò u fucili pi sparari.
Nun fici 'ntempu.
U cristianu si muviu cu' nà listizza chi fici 'mprissioni, satò a la sinistra di Sasà e cci cafuddò un corpu nnò cozzu cu' sò marruggiu. Cupertu du' corpu di Sasà chi scuppava du' cavaddu, pigghiò nne' manu u fucili di Sasà e sparò nna' facci a Peppi mentri iddu ancora si stava vutannu.
Totò c'arristò. Nuddu si puteva moviri accussì lestu: ma cu era chistu?

"L'ammazzasti! L'ammazzasti comu dui cani", dissi Totò comu s'arripigghiò du' scantu.
"Ora c'haju dui cavaddi, dui fucili i un rivorbiru. Siddu mi sintevanu a mia, tutti dui, a st'ura erano vivi", c'arrispunniu u cristianu. Poi dissi:
"Iu mi chiamu Mimmu. Veni, camina cu mmia", si girò e accuminciò a ghiri versu gnusu, ca la strata scinnia versu u' mari.
Mimmu si tirava appressu i cavaddi chi' Ciaramedda curcati ncapu e Totò, ca nun c'avia avutru di fari, cunnucìu u sò voi appressu a iddu.
Totò era scantatu. C'avia nà mala mprissioni ma nun arrinisceva a capiri nzoccu era. Mentri caminavanu, ci spiò a Mimmu:
"Mi dicissi 'na cosa. Picchì vuleva propiu li cavaddi? Picchì ammazzò a l'amici mia? Nun c'era dibbisognu. Siddu propriu vuleva un cavaddu, c'u purtava iu quannu mi nn'aggirava di Termini!"
Mimmu, senza mancu girarisi, c'arrispunnìu:
"Mancu c'avissi arrivatu, a Termini, cu' ddi dui appressu a tìa. Passatu ccà, c'è Santa Nicola, dunni c'è a tunnara e siddu eri furtunatu, ti futtevano i cavaddi, u voi, i cuperti e ti lassavanu u carru. Avissi statu megghiu c'avissivu pigghiatu da' strata di' munti, acchianannu a Baucina e poi scinniri du' ciumi San Liunardu".
"Iu sti zoni nun li canusciu propiu e mancu l'amici mia"
"E vulevavu junciri a Termini?"
"Se. Ma mi dicissi 'na cosa: comu facìa a sapiri ca portu cuperti? E picchì nun m'ammazzò macari a mìa?"
“Tu mi serbi ppi cosi cchiù 'mpurtanti. D'i tò cuperti 'ntisi lu cjavuru. Arrivamu”
A scinnuta avia finutu i nn'attruvavamu 'nfacci a n'a casa affacciata a mmari.
D'un latu la casa c'aveva a strata, i l'avutru latu u mari. Tuttu 'ntornu c'aveva mura bianchi chini chini di viti miricana. Ciuri dunnegghiè. C'erano peri i ficu, peri i limiuni, pini i avutri arbuli nno tirrenu 'ntornu a casa.
Tornare in alto Andare in basso
http://nyron.blogspot.com
 
Cuntu: Sutta la Turri Normanna Prima Parti
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Il silenzio prima della tempesta...
» VENDO MANGA EDIZIONE ITALIANA COMPLETI E NON
» Battle Report prima sfida al 40k
» scambio / vendo CARTE DA GIOCO E COLLEZIONE , MAGIC - DRAGON BALL - MUTANT CHRONICLES ecc..
» Giochi Olimpici Milanesi (Prima Edizione) Gropparello

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Nyron Gdr Forum :: Letture :: Racconti :: Racconti in lingua-
Andare verso: