Nyron Gdr Forum
Benvenuti su Nyron Forumclan!

Nyron Gdr Forum - Razze ed Etnie


Nyron GdR Forum
 
IndicePortaleFAQCercaRegistratiAccedi

Torna al Forum
Costruzione Personaggio
Portale Mestieri
Portale Armi
Umani

Settentrionali,Meridionali, Selvaggi

Gli Umani sono la razza più diffusa sul pianeta Nyron. Per comodità vengono divisi  in tre grandi etnie: i Settentrionali, i Meridionali ed i Selvaggi.

Tutti gli Umani hanno un’ampia varietà di altezze che vanno dai 160 cm di media delle popolazioni Rijan fino ai 200 cm e oltre dei Wotopy. Anche il colorito della pelle è molto vario e dipende per lo più dalla zona climatica nella quale la popolazione ha vissuto.

Le differenze principali fra le diverse etnie sono per lo più culturali e religiose:

Gli Umani Settentrionali (Continente Settentrionale) parlano il Myrkyan (con diverse varianti da regione a regione) e venerano Muhadd l’Unico Dio, oppure sono seguaci di Weshtel il Nero, Signore dei Dèmoni.

Gli Umani Meridionali (Continente Meridionale) hanno diversi Pantheon di Dei differenti e non parlano una lingua comune. Le lingue più diffuse sono l’Ythlorijam (occidente), l’Ahrejot (settentrione) e il Neuffan (oriente).

Gli Umani Selvaggi (diffusi ovunque) sono divisi in piccole tribù, ciascuna concredenze proprie e con lingue diverse. Le etnie più numerose sono quelle del … nel Continente Settentrionale e dei Late She nel Continente Meridionale.

Mezz’uomini

Un tempo diffusi solo nel Continente Meridionale, negli ultimi decenni si sono diffusi un po’ ovunque, dedicandosi all’artigianato o ad attività poco lecite. Alti poco più di un metro, in genere sono resistenti alle fatiche e molto gioviali. Non hanno credenze particolari e parlano le lingue dei luoghi che abitano. A volte si sposano sia con gli Umani che con i Nani, dando vita adesseri ibridi.

Elfi

dei Boschi,del Mare, dei Ghiacci

Gli Elfi chiamano sé stessi Laijnor, ovvero “Gli Antichi”. Sono la razza che per prima elaborò un linguaggio e delle forme di governo, quando ancora krèmoni ed Umani danzavano attorno ai fuochi da campo ed erano divisi in piccole tribù. Le antiche guerre combattute dagli Elfi fra loro hanno causato una grande differenziazione fra le etnie ed un odio profondo per tutti i “diversi”: profondamente xenofobi, sembra che le uniche razze che vanno d’accordo con gli Elfi siano i Mezz’uomini, i Mezz’orchi ed i Mezzi Krèmoni.

Gli Elfi, in genere, hanno corpi esili, ma estremamente forti. Difficilmente superano i 170 cmdi altezza, ma non ci sono grandi differenze fra i sessi, tanto che, sempre più spesso, nascono degli Elfi androgini, senza sesso. Questo fatto, unito al fatto che la maturazione degli Elfi è estremamente lenta (raggiungono la piena maturità fisica intorno ai 40-50 anni di età), fa si che il loro numero sia diminuito progressivamente.

Le Grandi Guerre, combattute quando gli Umani vivevano nelle caverne, hanno diviso le tre stirpi degli Elfi.

Gli Elfi del Mare vivono oggi sulle coste in città fortificate sempre dotate di un porto, a volte nascosto. Le attività preferite consistono nella razzia e nei combattimenti contro qualsiasi essere che navighi. Sono avidi di tesori e di gloria.

Gli Elfi dei Boschi vivono in foreste inaccessibili e odiano tutti gli esseri che tagliano il legno. Le loro case sono costruite sfruttando sapientemente la crescita dei grandi alberi. Difficilmente gli Elfi dei boschi verranno a contatto con degli Umani senza tentare di ucciderli, anche se, i loro “veri” nemici sono gli Elfi del Mare, che tagliano gli alberi per costruire le loro possenti imbarcazioni.

Gli Elfi dei Ghiacci vivono nelle zone fredde, dalle quali raramente si allontanano. Sono tra i più isolati, ma quando lasciano le loro terre, lo fanno per procurarsi schiavi e servitori, che portano alle loro dimore di ghiaccio.

Le differenze nell'alimentazione sono notevoli: gli Elfi del Mare si nutrono di alghe, frutti di mare e bevono acqua salata. Gli Elfi dei boschi si nutrono della resina e dei frutti degli alberi. Non uccidono mai per nutrirsi. Gli Elfi dei Ghiacci si nutrono di sangue e devono assumerne ogni giorno almeno 200 ml. Se si trovano in ambienti caldi, il fabbisogno cresce, fino a raggiungere quantità consistenti: un Elfo dei Ghiacci, per sopravvivere in un ambiente tropicale, dovrebbe bere dai tre ai cinque litri di sangue al giorno.

Anche nell’aspetto gli Elfi hanno molte differenze, anche se tutti hanno gli occhi molto grandi, quasi del tutto formati dall’iride, che è verde scuro negli Elfi dei boschi, blu notte o grigio negli Elfi del mare e rosso sangue o completamente nero negli Elfi dei Ghiacci.

La carnagione degli Elfi dei boschi è bruna o verde, quella degli Elfi del mare bluastra o verde acqua, quella degli Elfi dei ghiacci è la più varia e va dal bianco pallido all’azzurro. Il colore dei capelli, in tutti gli Elfi, varia con la luce, passando dal nero all’oro.

Tutti gli Elfi parlano l’Elfico, dal quale è derivato l’Ythlorijam, ovvero la lingua diffusa nell’occidente del Continente Meridionale. Inoltre, gli Elfi hanno un’innata capacità di apprendimento delle lingue, cosa che riescono a fare in brevissimo tempo.

Gli Elfi hanno poteri magici innati e riescono ad utilizzare la magia quasi senza sforzo e, a livello elementare, senza bisogno di studio. Grazie alla grandezza dei loro occhi vedono perfettamente al buio, mentre devono proteggere gli occhi con degli strani aggeggi durante il giorno.

Nani

Non si sa molto sull’origine dei Nani, poiché anche le più antiche Storie degli Elfi iniziano a parlarne come di un popolo già evoluto e maestro di scienze e tecnologia. Sono tuttora i migliori fabbri ed artigiani del mondo ed i loro giocattoli e le loro macchine semoventi sono tra gli oggetti più stupefacenti mai creati. Razza orgogliosa e testarda hanno una memoria prodigiosa e sono soliti segnare qualsiasi debito o credito, le genealogie, le loro gesta e qualunque altra cosa sia degna di nota in grandi libri di Conoscenza, trasmessi da una generazione all’altra. Sono ben più longevi degli Umani, ma raramente hanno dei figli, per cui il loro numero è destinato a diminuire. In effetti, dopo le guerre con gli Elfi sembravano essere scomparsi, ma di recente molte montagne hanno ricominciato a risuonare al rumore dei loro martelli. Sono stati i primi ascoprire il mÿthrÿl e sono tuttora gli unici a saperlo lavorare: con questo materiale creano armature che sono di gran lunga le migliori del mondo, anche se come armaioli sono stati sempre meno abili degli Elfi e sono stati superati dall’acciaio degli Erkÿn.

Non hanno mai studiato la magia, ma riescono a sopperire con un ingegno incredibile ed un’innata resistenza a qualunque incantesimo.

La loro ultima scoperta è la cosiddetta “polvere da sparo”, una miscela di polveridi colore nero che, a contatto con una fiamma esplode. Una grande quantità di tale composto potrebbe ridurre in polvere anche le più possenti rocce. I Nani sono stati capaci di costruire con questa polvere stupefacenti giochi di luci, ma anche terribili macchine di morte individuali e non, come pistole, fucili e cannoni.

I Nani sono molto orgogliosi della loro barba, che non tagliano mai nel corso della loro lunga vita. Ai più vecchi (vivono fino a trecento anni) diventa lunga anche tre o quattro metri e spessissimo sono “costretti” ad intrecciarla e a farle compiere numerose giravolte attorno al proprio corpo.

Hanno una notevole resistenza alla fatica e la loro fibra eccezionale permette loro di mantenere forza e vigore fino alla vecchiaia, che comunque si presenta molto tardi in questa razza cocciuta e testarda, ma estremamente leale con gli amici, quanto inesorabile con i nemici.

Sono molto longevi, spesso vivono infatti fino a trecento anni. La loro altezza è compresa tra 1,20m e 1,40m, raggiungono perfino gli 80kg di peso. Vivono in imprendibili roccaforti scavate nelle rocce, nel sacro culto del guadagno: per denaro farebbero qualunque cosa (tranne ovviamente tagliarsi la barba o venir meno ad un contratto o ad una promessa). Non amano le barche e non vanno a cavallo per ovvi motivi. In casi di emergenza, sanno però cavalcare i pony o i muli.

Umani delle Isole

Gli Umani delle Isole vivono nel Grande Arcipelago di Lukerpen ed hanno caratteristiche fisiche molto marcate, dovute probabilmente al grande isolamento nel quale hanno vissuto per secoli. In genere hanno pochi peli sul corpo, un profilo prognato, con la mascella molto in avanti rispetto alla mandibola, spesso con il labbro leporino e con gli incisivi anteriori molto distanziati. Questa caratteristica porta un grande numero di sibilanti (“s” e“z”) nella loro lingua. Per questi motivi e per il loro amore per l’ozio sotto il sole vengono detti “Uomini-Serpe”.

Hanno un’intelligenza molto sviluppata ed un ingegno particolare. Sono divisi in caste chiuse, determinate dalle attitudini dei singoli soggetti.

Hanno un pantheon di circa diecimila divinità diverse ed un unico Imperatore divinizzato che comunica con gli Dei.

Mezz’elfi

I primi Mezz’elfi di cui si ha notizia furono i figli di Flÿasë, Elfa dei boschi, figlia di Re Thaenghyl di Tlaw. S’innamorò di Yàred Maenfûrab, principe dell’antico regno di Kaijn, sull’isola di Weijperijan. Trasferitisi sull’isola di Deseghrijan diedero vita ad una schiatta di Mezz’elfi che non si è tutt’ora estinta. Oggidì, però, la maggioranza dei Mezz’elfi che girovagano per il Nyron sono figli di violenze subite dalle ingenue fanciulle elfiche, che spesso hanno subito gli abusi da parte di uomini violenti o incantati dalla loro bellezza.

I Mezz’elfi somigliano molto agli Elfi nelle forme aggraziate e nei movimenti agili ed eleganti, anche se spesso si lasciano crescere la caratteristica peluria sul viso tipica degli Umani (gli Elfi non hanno peli sul corpo, a parte i capelli). Sono molto dotati per le arti e spesso possiedono poteri magici innati e hanno la vista migliore di quella degli Umani (spesso vedono al buio come gli Elfi).

I Mezz’elfi sono molto intelligenti e carismatici, forti e resistenti.

Di contro, c’è da dire che non sono ben accetti tra gli Elfi (che li chiamano Mezzi Umani) per i loro comportamenti spesso apatici e qualunquisti e spesso sono malvisti anche dagli Umani, in quanto sembrano loro superbi e presuntuosi. Paradossalmente hanno i migliori rapporti con i Nani e con i Mezz’uomini e a volte con i Mezz’orchi, con i quali spesso condividono l’origine violenta della loro vita.

Sono molto più longevi degli Umani, anche se la loro “elficità” si manifesta soltanto con la raggiunta maturità (verso i 18 anni standard), poiché invecchiano molto lentamente, arrivando spesso a superare i duecento anni.

Un discorso a parte meritano i Mezz’elfi che discendono dagli Elfi del Mare. In genere, infatti, accade che la violenza sia subita dalle donne Umane, proprio da parte di razziatori Elfi. La maggior parte dei Mezz’elfi discendenti da questa schiatta, contrariamente agli altri, hanno vissuto i loro primi anni congli Umani, trattati come dei “diversi” ed esclusi da tutti i mestieri “rispettabili”, per cui si dedicano quasi sempre ad attività non proprio lecite, vivendo nell’odio per gli Umani e per gli Elfi dei boschi. Spesso sono loro a guidare i gruppi di Mezz’orchi e, se sono Praticanti della Magia, spesso sono riusciti a creare regni fondati sul terrore.

Mezz’orchi

Esseri nati dalle violenze degli orchi sugli uomini, sono odiati da uomini ed orchi e non sono troppo amati nemmeno dagli Elfi, anche se quelli dei boschi provano pietà per loro e spesso gli Elfi dei ghiacci o i Mezz'elfi li fanno loro alleati. Hanno fisici estremamente portati per il combattimento, sono eccezionalmente robusti, forti e resistenti. Come gli orchi, vedono al buio, ma come gli Umani provano i più svariati sentimenti. Vivono in media quanto gli Umani, cioè circa settanta anni. Spesso si mettono “al servizio” dei Mezz’elfi, che non li disprezzano, anzi li capiscono inquanto Figli della Violenza esattamente come loro.

Esteticamente sono decisamente brutti, anche se qualcuno di loro riesce a camuffare la propria origine ed a trovare impiego come manovale in fattorie, botteghe di fabbro o come rematore nei mercantili. La maggior parte di loro, però, è votato al combattimento ed ha sete di vendetta, contro gli orchi o contro gli Umani o addirittura contro entrambi.

Non sono molto intelligenti, né particolarmente dotati per i lavori artistici, ma hanno l’innata capacità di imparare molto in fretta ad usare le armi.

Mezzi Krèmoni

I Mezzi krèmoni sono ciò che rimangono degli antichi krèmoni. Simili ad un incrocio tra una scimmia ed un uomo, sono forti, agili e intelligenti, anche se si lasciano guidare più dall’istinto e dalla memoria che dal ragionamento. Ricoperti da una folta peluria su tutto il corpo, ricordano molto i loro progenitori krèmoni anche come struttura sociale: vivono in bande di trenta-cinquanta individui, che si uniscono alle altre solo per scendere in guerra.

La loro società è di tipo guerriero e il prestigio sociale si misura in base al numero di nemici uccisi.